Archivi



Jeremie Campania: dal 7 novembre finanziamenti BEI per le Pmi campane

Posted by: redazione | Posted on: novembre 8th, 2011 | 0 Comments

a cura dello Staff Area Direzionale

Attiva l’iniziativa Jeremie , partnersrhip tra Unicredit e BEI. Disponibili oltre 80 milioni di euro dedicati alle piccole e medie imprese della Campania. Dal 7 novembre 2011 saranno disponibili finanziamenti in conto interessi sino a 500 mila euro per aziende operanti nei settori delle tecnologie informatiche, l’automotive, le biotecnologie, l’aerospaziale, l’agro-alimentare, il risparmio energetico e le energie rinnovabili.  Il nostro staff è in grado di supportare le imprese nella presentazione delle istanze ai punti Unicredit previsti dalla normativa.  Vediamo nel dettaglio i soggetti finanziati e le provvidenze previste.

Soggetti beneficari

Potranno rientrare nelle provvidenze previste dalla normativa le Micro, Piccole e Medie imprese con sede legale e unità produttiva nel territorio della Regione Campania. Le stesse dovranno essere già costituite ed iscritte nel registro delle imprese alla data di presentazione della domanda.  Obbligatorio non trovarsi in condizioni di fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione controllata né in stato di difficoltà (art. l comma 7 del Regolamento (CE) n. 800/2008;) ed operare nel rispetto delle vigenti normative in materia di edilizia ed urbanistica, in materia di tutela  ambientale, sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro, delle normative per le pari opportunità  tra uomo e donna e delle disposizioni in materia di contrattazione collettiva nazionale e territoriale del lavoro con particolare riferimento agli obblighi contributivi.

Soggetti esclusi

Sono esclusi coloro che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un  conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea e chi è stato destinatario, nei sei anni precedenti la data di comunicazione di ammissione alle  agevolazioni, di provvedimenti di revoca totale di  agevolazioni pubbliche per fatti gravi imputabili all’impresa, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce da parte dell’impresa. Sono inoltre escluse le imprese che operano nei seguenti settori:

–        produzione e commercio di armi;

–        gioco d’azzardo;

–        produzione, lavorazione e commercializzazione del tabacco

–        clonazione umana, organismi geneticamente modificati;

–        produzione primaria di prodotti agricoli, della pesca, dell’acquacoltura, di cui al regolamento (CE) n. 104/2000, ed in generale nei settori elencati  nell’allegato I del trattato sul funzionamento della Comunità Europea e negli ulteriori settori esclusi  presentati all’articolo 1 del regolamento (CE) n. 1998/2006 del 15 dicembre 2006, relativo  all’applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti de minimis

Tipologia di contributo

Il capitale a disposizione di ogni PMI può variare da un minimo di settemila euro fino a mezzo milione di euro. La restituzione della somma potrà avvenire entro un termine massimo di 8 anni con il 45% del capitale garantito a tasso zero e la restante parte a tasso calmierato.

Scadenza e consulenza

Il bando è a sportello. Dunque si chiude all’estinguersi dei fondi. Il nostro gruppo è in grado di offrire attività di consulenza e supporto per l’accesso alle provvidenze.  Per informazioni e/o per fissare appuntamenti è possibile contattare il nostro ufficio segreteria all’indirizzo: info@ndbc.it oppure contattare i consulenti al numero 331.9971133

Comments are closed.